Cos’è la tracheite

La tracheite è un processo infiammatorio che va a interessare la trachea, uno degli organi fondamentali del nostro sistema respiratorio.
E’ uno dei più conosciuti malanni della stagione fredda, e va a colpire sopratutto i bambini a causa della ridotta dimensione della loro trachea e della suscettibilità ai virus dei più piccoli.
I sintomi più comuni sono febbre alta con difficoltà respiratoria, tosse secca, catarro, bruciore al torace e arrossamento delle vie respiratorie. La tracheite può essere una malattia molto contagiosa se di causa virale o batterica, mentre cause esterne (come il fumo di sigaretta) ne pregiudicano per fortuna un contagio.
Quando si è ammalati sarebbe comunque meglio evitare ambienti affollati che potrebbero metterci in contatto con altre malattie in un tratto del nostro sistema respiratorio già sotto stress, aumentando notevolmente i tempi di guarigione e la gravità dei sintomi.

tracheite

Nella maggior parte dei casi la tracheite è una complicazione di affezioni virali all’apparato respiratorio superiore già esistenti come una banale influenza o un raffreddore e quindi non necessita di attenzioni o premure particolari oltre a quelle già adottate.
Tuttavia può insorgere anche in presenza di patologie più serie come la scarlattina, il morbillo o la pertosse e richiedere dunque una maggiore aggressività nei trattamenti sanitari.
La tracheite di origine batterica invece coinvolge spesso tre microrganismi in particolare: lo Streptococcus pneumoniae, l’Haemophilus influenzae e in rari casi lo Staphylococcus piogene. Il medico di fiducia individuerà l’antibiotico più adatto alla nostra situazione.
Oltre alle cause virali o batteriche è conosciuta anche la tracheite allergica, causata da una vasta gamma di allargeni come pollini, acari e polveri. In questi casi sarà dunque necessario intervenire con terapie specifiche di farmaci cortisonici e antistaminici che devono essere prescritti dal proprio medico.

La tracheite di orgine pscogena invece si genera da uno stile di vita sbagliato o da fattori stressanti. Talvolta il decorso può prolungarsi eccessivamente rendendo dunque la patologia cronica. Anche qui sarà il nostro medico a consigliare la terapia più adatta, suggerendo al paziente rimedi fitoterapici o l’adozione di nuovi comportamenti più salutari.

Fra i fattori scatenanti, oltre alle affezioni a carico delle vie aeree superiori, può esserci naturalmente anche il fumo di sigaretta e l’inalazione di sostanze inquinanti e polveri che possono irritare il tratto respiratorio. Tutti questi tre elementi in sinergia possono ovviamente aggravare ulteriormente la tracheite.
Generalmente la patologia ha un decorso normale di una o due settimane se opportunamente trattata.